Seguici su

Vai menu di sezione

Imposta di pubblicità

Chiunque diffonda messaggi pubblicitari, visivi od acustici, effettuati in luoghi pubblici, aperti al pubblico o da tali luoghi percepibili, è tenuto al pagamento dell'imposta sulla pubblicità e alla presentazione della relativa dichiarazione.

Prima di iniziare la pubblicità, gli interessati devono essere in possesso della relativa autorizzazione rilasciata dall'Ufficio Tecnico serv. Urbanistica

Ottenuta l'autorizzazione di cui sopra, il soggetto passivo dell'imposta, prima di iniziare la pubblicità, è tenuto a presentare all'Ufficio Tributi, apposita dichiarazione dei mezzi pubblicitari esposti e al pagamento della relativa imposta.

Nella dichiarazione  è necessario specificare:

  1. ragione sociale, sede, attività, numero di codice fiscale e partita IVA del denunciante
  2. caratteristiche della pubblicità con particolare riferimento a dimensioni, luminosità, ubicazione e durata dell'esposizione o della durata della pubblicità.

Per la pubblicità fatta tramite automezzi, oltre agli elementi sopra elencati, è indispensabile il numero di targa e la portata. 

Le dichiarazioni relative ad esposizioni permanenti a tempo indeterminato non devono essere ripetute alla scadenza annuale.

Esse si intendono automaticamente rinnovate di anno in anno con il semplice pagamento dell'imposta entro il termine del 30 aprile di ogni anno.

Entro il medesimo termine devono essere prodotte le denunce per eventuali variazioni o cessazioni.

Determinazione dell'imposta

L'imposta si determina in base alle dimensioni in metri quadrati, alle caratteristiche, alla ubicazione del messaggio pubblicitario sul territorio comunale.

Le superfici superiori al primo metro quadrato si arrotondano al mezzo quadrato superiore.

L’imposta è frazionabile per periodi inferiori a tre mesi mentre per pubblicità effettuata per periodi superiori a tre mesi l’imposta diventa annuale.

Pagamento dell'imposta

Esso avviene:

- contestualmente alla   presentazione della dichiarazione in tutti i casi di "inizio della pubblicità": in caso di pubblicità temporanea direttamente  presso l’ufficio tributi comunale; in caso di pubblicità permanente sul c/c di Tesoreria della Banca Popolare di Sondrio (IBAN IT40 F 05696 34670 000003000X93);

- entro il 30 aprile dell'anno di  riferimento in tutti i casi di "rinnovo annuale" di pubblicità  permanente precedentemente denunciata. Il versamento tramite c/c di  Tesoreria oppure su c/c postale n. 17231382 intestato a Comune di Cles – Ufficio Tributi.

Pubblicità con superficie inferiore a 300 centimetri quadrati

Non sono assoggettabili ad imposta i mezzi pubblicitari che non superino la superficie di 300 cm. quadrati (per esempio cm. 30 x 10, 20 x 15 , ecc…)

Pubblicità tramite locandine

Per le locandine da esporre a cura degli interessati nelle vetrine dei negozi o all'interno dei pubblici esercizi, è necessario recarsi, con le locandine stesse, all'Ufficio Tributi per la loro timbratura con apposito contrassegno e contestuale denuncia e pagamento dell’imposta dovuta.

Volantinaggio

E' consentito il volantinaggio a mano mentre è vietato il lancio di volantini o manifestini nonché la posa di foglietti, opuscoli ecc sugli autoveicoli. Prima di effettuare la pubblicità è necessario effettuare il pagamento presso l'Ufficio Tributi (tariffa a persona al giorno indipendentemente dalla quantità di materiale distribuito) dichiarando il numero di persone e le date in cui viene effettuato il volantinaggio.

Cartelli relativi a saldi (solo se occupano uno spazio superiore a mezzo metro quadrato per vetrina)

Deve essere presentata denuncia all’Ufficio Tributi dichiarando la misura dei cartelli per vetrina e la durata dell’esposizione. Contestualmente deve essere pagata l’imposta direttamente presso l’ufficio Tributi.

Insegne d'esercizio - Definizione, criteri di valutazione e modalità di esenzione

L'imposta non è dovuta per le insegne di esercizio di attività commerciali e di produzione di beni o servizi che contraddistinguono la sede ove si svolge l'attività cui si riferiscono, di superficie complessiva fino a 5 metri quadrati.

Pubblicità su veicoli - Modalità d'esenzione per veicoli adibiti ai trasporti aziendali

Per la pubblicità effettuata per conto proprio su veicoli di proprietà dell'impresa o adibiti ai trasporti per proprio conto non è dovuta l'imposta per l'indicazione del marchio, della ragione sociale e dell'indirizzo dell'impresa, purché sia apposta non più di due volte e ciascuna iscrizione non sia di superficie superiore a mezzo metro quadrato.

L'imposta non è dovuta per l'indicazione, sui veicoli utilizzati per il trasporto, della ditta e dell'indirizzo dell'impresa che effettua l'attività di trasporto, anche per conto terzi, limitatamente alla sola superficie utile occupata da tali indicazioni.

Pubblicità acustica

E' esclusa ogni forma di pubblicità inerente attività commerciali, artigianali ed economiche in genere;

E' ammessa solo in forma itinerante;

E' ammessa solo nelle fasce orarie dalle 8 alle 12 e dalle 16 alle 20.

Non è consentita in prossimità di scuole, chiese, cimiteri e casa di riposo.

Riduzioni ed esenzioni

  • Ai sensi degli artt. 16 e 17 D.Lgs. 507/93

Pubblicato il: Lunedì, 14 Ottobre 2013 - Ultima modifica: Venerdì, 26 Febbraio 2016

Valuta questo sito

torna all'inizio