Seguici su

Vai menu di sezione

Progetto pannolini lavabili

Progetto pannolini lavabili

PROGETTO PANNOLINI LAVABILI

L’Amministrazione comunale propone alle famiglie residenti a Cles con bambini di età inferiore a 18 mesi l’opportunità di:

  • Richiedere un contributo pari al 70% della spesa sostenuta per l’acquisto dei pannolini lavabili fino ad un importo massimo di €.150,00.
  • Presentare all’ufficio tributi del Comune apposita richiesta per ottenere tale contributo, unitamente alla fattura comprovante la spesa sostenuta.
    L’acquisto deve essere effettuato in un negozio di Cles.
  • Ottenere l’incentivo finanziario con cadenza semestrale in concomitanza della fatturazione della tariffa rifiuti, mediante bonifico bancario con
    accredito sul proprio conto corrente.
  • Acquistare il Kit e quanto necessario in momenti anche dilazionati nel tempo. Nel caso di acquisti frazionati l’intervento finanziario viene liquidato semestralmente in base alle richieste inoltrate per singolo acquisto, sino all’importo massimo ammesso di €. 150,00;
SENSIBILIZZAZIONE ALL’UTILIZZO DEL PANNOLINO LAVABILE
  • Di cosa di tratta?

Sono pannolini in fibre naturali (cotone, canapa e bamboo) o alcuni, di ultima generazione, in materiali sintetici (pile, microfibra,…). Hanno la stessa forma di quelli usa e getta con chiusura in velcro o con bottoncini automatici.

Sopra il pannolino si indossa una mutandina (in microfibra, lana o pile) che garantisce l’impermeabilità alle fuoriuscite ma permette la traspirazione della pelle.

All’interno del pannolino si utilizzano degli inserti per aumentarne l’assorbenza e un foglio di “tessuto non tessuto” allo scopo di raccogliere le feci.

  • Modelli

 Ci sono diversi modelli in commercio da utilizzare a seconda dell’età del bambino e delle singole esigenze:

- ciripà: possono essere usati già dai primi giorni di vita;

- pannolini prefold: economici, versatili, non hanno bisogno dell’inserto, invece necessitano della mutandina esterna;

- pannolini sagomati: hanno la forma degli usa e getta, necessitano dell’inserto e della mutandina esterna;

- pannolini tutto in uno: simulano al massimo le prestazioni dei monouso, si indossano in un solo gesto perché il pannolino, la mutandina e l’inserto sono cuciti insieme;

-  pannolini pockett tutto in due: pannolini tecnici fatti con tessuti di origine sintetica, provvisti di una tasca interna per l’inserto.

  • Come si lavano?

 In lavatrice, assieme al bucato (temperatura da 40° a 50/60°), non occorre fare un ciclo apposito per il lavaggio. Alcuni modelli si possono asciugare anche con l’asciugatrice.

  • Quanti ne servono?

Fino al compimento del primo anno sono necessari circa 16 - 25 pannolini a seconda del modello, dopo ne bastano 10-15.

I pannolini lavabili:
 
      SONO PER LA TUTELA DELL’AMBIENTE

I pannolini usa e getta sono costituiti in gran parte di plastica ed inquinano pesantemente l'ambiente già dalla fase della loro produzione. Al mondo si utilizzano oltre 13 miliardi di litri di olio, 82.000 tonnellate di plastica e 1,3 milioni di tonnellate di polpa di legno per produrre 18 miliardi di pannolini di plastica. Questi pannolini necessitano di circa 500 anni per decomporsi. Per produrli serve il 37% di acqua in più rispetto a quella per il lavaggio dei pannolini riutilizzabili e da una ricerca svolta dall'Università di Vienna nel 1992 risulta che l'energia utilizzata è maggiore di oltre il 70%. In più si consumano molte risorse naturali e si impiegano prodotti inquinanti (plastica, idrogel,...). La produzione elimina nell'acqua solventi, metalli pesanti, polimeri, diossine e furani. Vengono abitualmente sbiancati utilizzando prodotti a base di cloro.

Il “contributo” da parte dei singoli bambini (forse sarebbe più opportuno dire dei loro genitori) alla produzione di rifiuti non differenziabili è di circa 1 tonnellata nei primi tre anni di vita.

 
      PRODUCONO UN RISPARMIO ECONOMICO

Ogni confezione di pannolini “usa e getta” ne contiene mediamente 30, per una spesa di circa 8,00 euro. Considerando di usare una media di 6 pannolini al giorno si spendono circa 635,00 euro l'anno; una spesa alquanto incisiva per il bilancio familiare.

 
        SONO PER IL BENESSERE DEI BAMBINI

E' vero che più i bambini sono asciutti più sono felici? L'affermazione sarebbe già discutibile di per sé, ma lo è ancor di più se confrontata con alcuni dati. I pannolini usa e getta contengono gel chimici superassorbenti (silicati e simili) ed ancora oggi non sono stati effettuati studi approfonditi su eventuali effetti collaterali di questi elementi. Infatti pare che tra di essi vi sia il sodio policloridato, che assorbe più di cento volte il suo peso in acqua. Questa sostanza fu tolta dagli assorbenti nel 1985 a causa della sua correlazione con lo shock tossico nei tamponi per donna. Secondo delle statistiche canadesi, in America del Nord, dove circa l'80% delle famiglie utilizza il pannolino di plastica, i casi di irritazioni sono cresciuti dal 7,1 al 61%. L'aumento delle irritazioni è sicuramente dovuto anche alla pratica scorretta di lasciare troppo addosso al bambino lo stesso pannolino. L'unico vero modo per prevenire questo inconveniente è di cambiare spesso il bambino, ma allora che senso ha usare pannolini super assorbenti?

       FACILITANO L’AUTONOMIA

E' da notare inoltre come l'età del passaggio dal pannolino alla mutandina si sia alzata di molto portando qualcuno ad ipotizzare che ciò sia dovuto anche al fatto che i gel superassorbenti, limitando la sensazione di bagnato, rendano più difficile al bambino la comprensione delle sensazioni fisiche legate al “farsi la pipì addosso”.

-  Richiesta rimborso della spesa sostenuta per l’acquisto di pannolini lavabili

CLICCA QUI PER SCARICARE IL MODULO

Pubblicato il: Lunedì, 16 Settembre 2013 - Ultima modifica: Giovedì, 16 Giugno 2016

Valuta questo sito

torna all'inizio