Seguici su

Vai menu di sezione

ICI

Imposta Comunale sugli Immobili

Il pagamento dell'ICI spetta a:

Il proprietario o titolare del diritto di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie, l’utilizzatore in caso di locazione finanziaria, per il possesso di fabbricati e aree fabbricabili ed in generale di tutti gli immobili già censiti o che devono essere censiti in catasto, anche per gli immobili acquisiti nell’anno in corso ed il concessionario di aree demaniali.

Nei comuni trentini non si è tenuti invece al pagamento dell’ICI per i terreni agricoli.

ESENZIONI

Ai sensi del D.L. 27.5.2008 n. 93, convertito con modificazioni dalla Legge 24.07.2008 n. 126, ad esclusione delle abitazioni classificate nelle categorie catastali A1 (abitazioni di tipo signorile), A8 (ville), A9 (castelli e palazzi eminenti) e delle abitazioni dei cittadini italiani residenti all’estero, sono da considerarsi escluse dal pagamento dell’ICI, a decorrere dall’anno 2008:

1. l’abitazione principale in proprietà, usufrutto, uso, abitazione delle persone fisiche;

2. una sola delle unità immobiliari di pertinenza (categorie catastali C/2, C/6, C/7), anche se posseduta in quota, destinata ed effettivamente utilizzata a servizio dell’abitazione principale (non classificata in categoria catastale A/1, A/8, A/9);

3. l’abitazione principale di soci assegnatari di cooperative edilizie a proprietà indivisa, nonché gli alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari;

4. le abitazioni concesse in uso gratuito a parenti ed affini entro il primo grado in linea retta (anche se in comproprietà) e una sola pertinenza;

5. l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale posseduta da anziani o disabili che hanno acquisito la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente e una sola pertinenza, purché non locate;

6. la casa coniugale del soggetto passivo che, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, non ne risulti assegnatario, a condizione che questi non sia titolare del diritto di proprietà o di altro diritto reale su un immobile destinato ad abitazione situato nello stesso comune ove è ubicata la casa coniugale.

Sono inoltre esenti ai sensi dell'art. 4 del vigente regolamento comunale:

a) gli immobili posseduti dallo Stato, dalle Regioni, dalle Province, dagli altri Comuni, dalle Comunità montane, dai Consorzi fra detti Enti e dalle Aziende Unità Sanitarie Locali, non destinati esclusivamente ai compiti istituzionali;

b) gli immobili utilizzati dai soggetti di cui all’art. 73 comma 1 lettera c) del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, approvato con D.P.R. 22 dicembre 1986 n. 917 e successive modificazioni, compete esclusivamente per i fabbricati ed a condizione che gli stessi, oltre che utilizzati, siano anche posseduti dall’Ente non commerciale utilizzatore.

Termini e modalità di pagamento

16 giugno:     prima rata in acconto o pagamento in un’unica soluzione;

16 dicembre: versamento a saldo.    

  • tramite bollettino di conto corrente postale n. 88756796 intestato a Equitalia-T.A.A. Suedtirol Spa - Cles - ICI;
  • tramite modello F24 (C794 codice del Comune di Cles-istruzioni per la compilazione).

Aliquote e detrazioni

  • Approvate con delibera consiliare n. 76 del 19.12.2006 (per gli anni 2007 e successivi)

Dichiarazione di variazione

  • Dichiarazione variazioni ICI

Aree fabbricabili

  • Il Consiglio comunale con delibera n. 76 del 14 dicembre 2005 ha aggiornato i valori di riferimento delle aree edificabili ai fini dell'applicazione dell'Imposta Comunale sugli Immobili nel Comune di Cles.

Pagina pubblicata Martedì, 15 Ottobre 2013

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto