Seguici su

Vai menu di sezione

COSAP

Canone Occupazione Spazi ed aree pubbliche

Le concessioni per l’occupazione del suolo pubblico sono disciplinate dal regolamento Comunale COSAP approvato con delibera di consiglio comunale n. 66 del 30.11.1998 e ss.mm.

La tariffa base è aggiornata annualmente sulla base dell'intervenuto aumento dell'ISTAT con decorrenza 1° gennaio di ogni anno.
Particolare attenzione va rivolta alle situazioni (irregolari) che per legge si caratterizzano per la severità e per la consistente misura delle penali e delle sanzioni pecuniarie, che nel complesso possono arrivare a raddoppiare il canone non pagato.

OGGETTO DEL CANONE

Sono soggette al pagamento del canone di concessione le occupazioni permanenti e temporanee realizzate nelle strade, su aree e relativi spazi sovra- e sottostanti, appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile del Comune o su aree private su cui insiste un pubblico passaggio effettuate anche con manufatti di qualunque genere compresi i cavi, le condutture e gli impianti.

Si considerano abusive le occupazioni effettuate senza la concessione o quando sia scaduta e non rinnovata o non prorogata, o
revocata. Si considerano abusive anche le occupazioni esercitate in contrasto con le modalità o gli obblighi previsti nella concessione

Non è richiesta la domanda
per occupazioni occasionali di durata non superiore a 60 minuti, per quelle determinate dalla sosta di veicoli per il tempo necessario al carico ed allo scarico delle merci e dalla sosta di durata inferiore a 120 minuti effettuate dagli operatori commerciali su aree pubbliche in forma itinerante come definita dall’art. 31 del D.P.G.P. 26/11/1993 n. 23. Non è inoltre necessaria la domanda di occupazione per l’utilizzo eccezionale di spazi pubblici antistanti la propria abitazione di durata non superiore ad una giornata. In questo caso è comunque necessario che venga garantita la normale circolazione veicolare e pedonale, nonché siano rispettate le norme relative al Codice della Strada. 

Il canone non è applicabile
per le occupazioni con balconi, verande, finestre sporgenti e simili fisse o retrattili a servizio di abitazioni.

Non è altresì applicabile, ma comunque soggetto a concessione, nelle seguenti tipologie di occupazioni:

  • le occupazioni effettuate dallo Stato, dalle Regioni, Provincie, Comuni e loro consorzi,  da enti religiosi per l'esercizio di culti ammessi nello Stato oppure  occupazione realizzate per conto   dell’Amministrazione comunale per realizzazione di opere pubbliche o per   l’esecuzione di lavori su immobili di proprietà comunale;
  • occupazioni  effettuate con tabelle indicative nelle stazioni e fermate e degli orari dei servizi pubblici di trasporto nonché con le tabelle che interessano la  circolazione stradale, purché non contengano indicazioni di pubblicità e con le aste delle bandiere istituzionali;
  • le occupazioni con  taxi o con vetture destinate al servizio di trasporto di linea in concessione;
  • le occupazioni  con passi carrabili, pozzetti d’ispezione, bocche lupaie, griglie, vetrocementi;
  • le occupazioni del sottosuolo stradale con innesti, allacci a impianti di erogazione di pubblici servizi;
  • le occupazioni  con autovetture adibite a trasporto pubblico e privato nelle aree  pubbliche a ciò destinate;
  • occupazioni complessivamente inferiori a mezzo metro quadrato o lineare
  • occupazioni non  superiori a 10 metri quadrati da chiunque realizzate in occasione di  manifestazioni o di iniziative aventi finalità politiche, sindacali,  assistenziali, sociali od umanitarie, ricreative, sanitarie, sportive,  educative, di cultura e ricerca scientifica non comportanti attività commerciali con fini di lucro e  specificatamente riconosciute con apposito provvedimento del Sindaco;
  • occupazioni sovrastanti il suolo pubblico con festoni, addobbi, luminarie in occasione di festività o di ricorrenze civili e religiose.

TARIFFE

Sono riportate negli allegati sottostanti.

TERMINE

Il rinnovo delle concessioni permanenti deve avvenire almeno 60 giorni prima della scadenza, mentre per le concessione temporanee entro il termine di scadenza dell’occupazione.

Per ottenere la concessione si deve fare domanda in carta da bollo o resa legale. Inoltre dovrà essere consegnata una marca da bollo da Euro 16,00 che verrà applicata sulla concessione rilasciata dal Comune.

PAGAMENTO

  1. Per le occupazioni permanenti, il pagamento del canone va effettuato prima del rilascio della concessione il primo anno, mentre per le successive annualità il versamento deve essere effettuato in unica soluzione entro il mese di marzo,  mediante versamento sul c/c della Tesoreria del Comune – Banca Popolare di Sondrio filiale Cles IBAN: IT 40 F 05696 34670 000003000X93.
  2. Per le occupazioni temporanee, il pagamento del canone va effettuato al momento del rilascio dell'atto di autorizzazione con le stesse modalità di cui al punto 1..

Per importi superiori a Euro 1.550,00 può essere concesso il pagamento del canone dovuto in 4 rate di uguale importo.

Il canone non è dovuto qualora sia di ammontare inferiore o uguale Euro 6,00, ad eccezione delle occupazioni effettuate nell’ambito di un’attività economica per le quali deve essere comunque corrisposto l’importo minimo di Euro 6,00.

Pagina pubblicata Giovedì, 10 Ottobre 2013 - Ultima modifica: Venerdì, 26 Febbraio 2016

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto