Seguici su

Vai menu di sezione

La collaborazione

Chake Chake, Isola di Pemba, Tanzania

Pemba, nota anche come Al Kuh Dra (l'"isola verde"), è un'isola della Tanzania, situata circa 50 chilometri a nord-est di Zanzibar, al largo della costa orientale dell'Africa, nell'Oceano Indiano. Dista circa 50 chilometri dalla costa. È una delle "isole delle spezie", insieme all'isola di Mafia e Zanzibar. Nel 2012, la popolazione dell'isola era stimata a oltre 400.000 abitanti, distribuiti su un'area di 900 Km quadrati. L’economia dell’isola è basata prevalentemente su agricoltura di sussistenza e sull’allevamento caprino e bovino. Vengono inoltre coltivate le piante dei chiodi di grarofano destinati all’esportazione. Per questo motivo Pemba è denominata anche isola delle spezie.

Il Canale di Pemba, che separa l'isola dal continente, è una delle aree più pescose dell'intera Africa, rinomato soprattutto per l'abbondanza di marlin e pesce spada. L'isola non conta molti visitatori, sebbene sia un centro di medicina tradizionale e di magia nera ed è ancora ignorata dai flussi turistici ad eccezione di qualche resort esclusivo.

I centri principali di Pemba sono Chake Chake, Mkoani, e Wete . Capoluogo dell’isola è Chake-Chake.

La collaborazione tra il Comune di Cles e il distretto di Chake Chake viene ufficializzata con la dichiarazione d'intenti del 26 ottobre 2004 firmata dal Sindaco dr. Giorgio Osele, dal Presidente del Consiglio dr. Gianmartino Iddau e dal commissario regionale Mr. Seif Shaaban Mohamed.

Scopo di tale collaborazione è:

- scambio di delegazioni di rappresentanti amministrativi delle comunità e di gruppi di persone che operino nel campo della cooperazione e dello sviluppo

- scambio di informazioni sullo sviluppo socio-economico delle due comunità, in particolare nel campo dei servizi amministrativi, dell'industria,dell'artigianato, dell'insegnamento, della salute pubblica, della sicurezza sociale, del commercio, della cultura e dello sport

- promozione e istituzione di contatti diretti, compresi quelli economici, tra imprese, organizzazioni, istituzioni e cittadini.

La prima visita ufficiale avvenne nell' estate 2006 da parte di una delegazione composta dal Sindaco dr. Giorgio Osele, dall'assessore alle politiche sociali prof. Luisa Larcher, da due medici dell'ospedale Valli del Noce, la dr.ssa Rita Frenguelli, ginecologa e il dr. Andrea Graiff, chirurgo e, in rappresentanza della Fondazione Ivo de Carneri che facilitò e sostenne l'iniziativa, la dott.Alessandra Carozzi de Carneri presidente della Findazione e moglie di Ivo de Carneri con Silvana Maggioni.

Il motivo della nascita del gemellaggio con una comunità lontanissima geograficamente e culturalmente da Cles tra motivo dal fatto che quest’isola fu luogo di attività ed interesse professionale del Prof. Ivo de Carneri, cittadino clesiano.

Ivo de Carneri ( Cles 12.06.1927, Milano 20.11.1993) nacque a Cles dove visse, tra via Del Monte e il rione di Pez con i genitori Scipione de Carneri e Ida Odorizzi e i fratelli Lora e Sergio, fino al 1937, anno nel quale si iscrisse al ginnasio dei Padri Salesiani del collegio Manfredini di Este (Padova) fino al 1943 dove si diplomò nel 1945. Si iscrisse in seguito a Pavia alla facoltà di Chimica Pura laureandosi nel 1950. Si laureò anche in Scienze biologiche nel 1958 avendo come interesse la parassitologia e la ricerca di farmaci antiparassitari e antinfettivi. Numerosi e prestigiosi furono le collaborazioni e i ruoli ricoperti sia con le Università che con Società italiane ed internazionali di parassitologia, con il Consiglio superiore della Sanità e con l'Organizzazione mondiale della Sanità. Portò a termine numerose esperienze sul campo: in Brasile, Etiopia, Oman, Zanzibar (isola di Pemba).

Scomparve improvvisamente a Milano alla vigilia della partenza per una missione in Eritrea (fonte “Ivo de Carneri la passione di vivere“ a cura di Andrea Graiff).

Ad un anno dalla morte, nel 1994 alla fine di ottobre, subito dopo la prematura scomparsa del Professor Ivo de Carneri, per volontà dei familiari, viene istituita la Fondazione Ivo de Carneri Onlus per ricordare lo scienziato e per continuarne l’opera con la missione di promuovere e sostenere piani di lotta contro le malattie da parassiti nei Paesi in via di sviluppo.

Assume come progetto prioritario la costruzione di un laboratorio di sanità pubblica nell’isola di Pemba (PHL). Il progetto nasce sulla base di una intuizione avuta da Ivo de Carneri, durante la missione (1988) per conto del Ministero degli affari esteri italiano, a Pemba per la valutazione della campagna di controllo della schistosomiasi.

La Fondazione viene presentata ufficialmente il 4 novembre 1994 alla cittadinanza di Cles in occasione di un convegno organizzato dal Comune e presieduto dall'allora sindaco Giacomo Dusini.

Il laboratorio di sanità pubblica nell'isola di Pemba viene ultimato ed inaugurato il 12 giugno 2000 ed intitolato ad Ivo de Carneri. I costi di realizzazione sono sostenuti dal Comune di Cles e da donazioni di privati cittadini.

Il Laboratorio di Sanità Pubblica Ivo de Carneri (Public Health Laboratory Ivo de Carneri, PHL-IdC) è un istituto semi autonomo parte integrante del sistema sanitario di Zanzibar e il centro di riferimento per il monitoraggio e la valutazione dei piani nazionali per il controllo delle malattie endemiche e per le ricerche applicate allo sviluppo di nuovi mezzi di controllo. E’ il risultato di un accordo fra Fondazione Ivo de Carneri Onlus e Ministero della sanità e del welfare di Zanzibar firmato nel 1997.

Con l’aiuto del Comune di Cles e della PAT, negli anni successivi la Fondazione ha potuto realizzare altri importanti progetti sull’isola:

- realizzazione e gestione di di un dispensario materno-infantile nel villaggio di Gombani vicino a Chake Chake con i finanziamenti della Provincia Autonoma di Trento, del Comune di Cles e dei Comuni della Bassa Val di Non; il dispensario assicura assistenza e distribuzione di farmaci a mamme e bambini con una media di 100 visite al giorno;

- monitoraggio dei pozzi e sistemazione dell’acquedotto di Chake e di Kojani (progetto Acqua sicura) per contribuire al miglioramento delle condizioni sanitarie (diminuzione della morbilità e mortalità dovuta a malattie che si diffondono attraverso il veicolo acqua), garantendo alla popolazione l’accesso a fonti idriche sicure. Sono state ristrutturate le infrastrutture esistenti (sorgente idrica primaria e condutture di distribuzione dell’acqua) per renderle idonee alla distribuzione di acqua destinata al consumo umano.

Si sta provvedendo al monitoraggio sistematico della qualità dell’acqua destinata al consumo umano presso 12 stazioni di pompaggio selezionate in tutti i quattro Distretti dell’isola di Pemba (Chake-Chake, Wete - inclusa l’isola di Kojani, Mkoani, Micheweni), per garantire un pronto intervento in caso di contaminazione e di segnalazione di focolai epidemici.

- miglioramento della produzione di latte bovino con la realizzazione del progetto veterinario di fecondazione artificiale. Due tecnici veterinari di Pemba sono stati ospiti del Comune di Cles durante la formazione in collaborazione con i veterinari della APSS. A distanza di 6 anni dall’inizio del progetto è stata registrata un notevole aumento della produzione di latte bovino.

- sostegno dell’ospedale di Chake-Chake e di Vitongoji con invio di materiale sanitario, ambulanze, letti operatori (tre container).

- costruzione di un edifico scolastico per la scuola primaria di Madungu finanziato esclusivamente dal Comune di Cles inaugurato nel 2008;

- invio ai bambini delle scuole del distretto di Chake-Chake di giocattoli donati dagli scolari di Cles;

- è in corso il progetto agricoltura migliorare le condizioni di vita della popolazione del Distretto di Chake Chake attraverso lo sviluppo sostenibile del settore agricolo e migliorare la sostenibilità economica delle produzioni agricole nelle tre cooperative selezionate attraverso l’aumento della produttività, lo sviluppo di tecniche rispettose per l’ambiente e il rafforzamento dello spirito cooperativo.

Nel 2013 una delegazione del Comune di Cles composta dagli assessori Giusy Gasperettti e Mario Springhetti, accompagnati dal veterinario dr. Franco Vender e dal dr. Andrea Graiff, referente della FIdC di Cles, si sono recati in vista ufficiale a Pemba per valutare il progresso dei progetti in corso e per confrontarsi con i responsabili politici e amministrativi di Zanzibar e di Pemba. discutendo con loro strategie e obiettivi di prossimi interventi di aiuto.

Per chi fosse interessato può scrivere a :

gemellaggi@comune.cles.tn.it

Posizione GPS

Come arrivare

Pagina pubblicata Lunedì, 21 Marzo 2016 - Ultima modifica: Martedì, 18 Settembre 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto