Seguici su

Vai menu di sezione

ADOZIONE PRELIMINARE VARIANTE 2018

La variante al PRG adottata in via preliminare è una variante non sostanziale sensi del comma 2, articolo 39 della L.P. 15/2015 e comprende diverse tipologie.

A) Varianti per opere pubbliche da attuare sulla base di programmi e progetti dell'amministrazione comunale da attuare in tempi medio-brevi e per risolvere problematiche contingenti relative alla realizzazione di interventi pubblici urgenti (art. 39 comma 2 lettera b);

B) Piani Attuativi: ripianificazione delle aree interessate da piani attuativi decaduti o da previsioni di PRG inefficaci (art. 39 comma 2 lettera d);

C) Disposizioni volte alla inedificabilità delle aree destinate all'insediamento sulla base delle istanze presentate ed accolte ai sensi dell'articolo 45, comma 4 della L.P. 15/2015 (art. 39 comma 2 lettera k);

D) Rettifiche ed adeguamenti cartografici e normativi al fine di uniformare le rappresentazioni alle disposizioni della deliberazione di Giunta Provinciale n. 2129 "Uniformità e omogeneità della pianificazione..." con la validazione dei dati shape del sistema GPU previsto dalla deliberazione di Giunta Provinciale n. 1227 di data 22/07/2016 "Approvazione delle specificazioni tecniche per l'integrazione dei sistemi informativi degli enti territoriali nell'ambito del Sistema Informativo Ambientale e Territoriale (SIAT) e nel sistema software per la gestione dei piani urbanistici (GPU) della Provincia autonoma di Trento ai fini dell'uniformità e omogeneità della pianificazione per il governo del territorio";

E) Adeguamento delle norme di attuazione agli aggiornamenti della Legge provinciale 4 agosto 2015, n. 15 "Legge provinciale per il governo del territorio" e del suo regolamento attuativo approvato con Decreto del presidente della provincia 19 maggio 2017, n. 8-61/Leg., come recentemente aggiornato e modificato dal Dpp 25 maggio 2018 n. 6-81/Leg. (art. 39 co 2 lettera e).

Pagina pubblicata Lunedì, 10 Dicembre 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto