Seguici su

Vai menu di sezione

Cles. Antiquariato a Palazzo

18 ottobre – 9 novembre 2014 | Palazzo Assessorile - Cles

L’A.M.A.A.T. (Associazione Mercanti d’Arte Antica del Trentino), aderente all’Associazione dei Commercianti al Dettaglio del Trentino, facente parte di Confcommercio Imprese per l’Italia Trentino, in collaborazione con il Comune di Cles, organizza la seconda edizione della manifestazione: "Cles: antiquariato a palazzo", presso il prestigioso Palazzo Assessorile del capoluogo noneso, evento patrocinato dalla Provincia Autonoma di Trento e dalla Regione Trentino — Alto Adige.

Apertura:

15.00 - 19.00 nei giorni feriali

10.00 - 19.00 sabato e festivi

lunedì chiuso

Entrata libera

Info: 0463 662091

Dopo i lusinghieri risultati riscossi in occasione della prima edizione (ventuno espositori tra antiquari, galleristi, restauratori e attività di servizio, con oltre 6.000 visitatori nell’arco temporale delle tre settimane di apertura tra ottobre e novembre 2013) il comitato organizzatore, sulle ali dell’entusiasmo trasmesso in primis dall’amministrazione comunale, ha deciso di riproporre l’iniziativa, con alcune novità significative. Tra tutte, spicca indubbiamente la presenza della Tavola Clesiana, che verrà esposta in via del tutto eccezionale nello stesso luogo in cui venne ritrovata quasi 150 anni fa.

Quest’anno la partecipazione è stata ampliata anche ad antiquari provenienti dalla vicina provincia di Bolzano a testimoniare l’apertura culturale verso i territori limitrofi e lo spessore qualitativo raggiunto; inoltre saranno presenti alcuni rappresentanti ed iscritti all’albo provinciale dei restauratori di beni culturali di Confartigianato Trento con le loro attività e laboratori di restauro che sono strettamente correlate e complementari al settore dell’antiquariato.

Le mostre collaterali

Antiquariato a Palazzo non è soltanto una mostra selezionata dell’antiquariato trentino ed altoatesino, delle molteplici attività di restauro (ligneo, tessile, edilizio, ecc.) e di quelle di servizio (trasporti, assicurazioni, grafica computerizzata, ecc.), ma prevede anche due mostre collaterali.

La prima è Antiche posate e argenti da tavola in Trentino-Alto Adige dal XIV al XX secolo, a cura del prof Umberto Raffaelli; la seconda Sigismondo Pellegrini: le chiusure di un tempo per aprirsi verso il mondo, un’interessantissima esposizione delle opere fotografiche del celebre fotografo clesiano sulle serrature nel corso dei secoli.

Le serate a tema

Sono confermate le tre serate a tema di approfondimento culturale, appuntamento fisso del giovedì sera, che tanto successo avevano riscosso nella scorsa edizione. La prima, il 23 ottobre 2014, alle ore 20.30, dal titolo Francesco Guardi, un protagonista del ‘700. Dopo la mostra veneziana, relatore il prof Giandomenico Romanelli; nella seconda, il 30 ottobre 2014, lo stesso curatore della mostra sulle posate Umberto Raffaelli, presenterà in anteprima il suo libro sull’argomento; la terza, infine, si terrà il 6 novembre 2014 e sarà dedicata proprio alla Tavola Clesiana: Roma e i popoli alpini; i relatori saranno la prof.ssa Elvira Migliario ed il prof Franco Marzatico.

Grazie alla sensibilità della Provincia Autonoma di Trento, del Castello del Buonconsiglio e del Comune di Trento, sarà possibile ammirare durante il periodo di apertura della mostra l’originale della Tavola Clesiana, reperto bronzeo di eccezionale valore storico, ritrovato proprio a Cles quasi 150 anni fa e testimone prezioso per la storia trentina e dei popoli alpini.

Pur "giovane", Antiquariato a Palazzo ha già registrato risultati lusinghieri. Per questa edizione sono attesi oltre venti espositori dei vari comparti distribuiti nelle diverse sale della "location” cinquecentesca (dal piano terra fino al terzo piano), che espongano — come nella scorsa edizione — una selezione di oltre 200 opere d’arte.

La mostra di Cles, inoltre, aprirà di fatto l’Autunno Clesiano e potrà così beneficiare di una serie di manifestazioni collaterali di grande richiamo mediatico e di pubblico; la mostra avrà anche un’anticipazione con un apposito spazio informativo e divulgativo in occasione di Pomaria, a Casez l’11 e 12 ottobre 2014.

Lo sforzo dei rappresentanti del mondo dell’arte nel suo complesso è quello di rilanciare le figure degli operatori del settore, in un momento economico difficile e delicato ed in un contesto storico dove prevalgono altri modelli estetici e dove si è perso il senso del bello. "A volte — ricorda Marco Ferrario presidente AMAAT — dobbiamo sollevare lo sguardo dai tanti schermi e monitor che riempiono le nostre giornate ed essere capaci di guardare più in alto, verso quel bello capace di gratificare ed emozionare".

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Venerdì, 10 Ottobre 2014 - Ultima modifica: Venerdì, 11 Agosto 2017

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto